TRADIZIONE ORALE ( a cura di Guido Ferretti ) - pag. 12

pagine < 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 >
     Ad aprile del 1932, l’impresa “Bernero e Traverso” prese in appalto la costruzione della galleria del Castellaro di Zoagli ed assunse, tra minatori, muratori e manovali, ventotto operai di Casoni. Questi parteciparono all’intera realizzazione dell’opera, che durō fino a dicembre dello stesso anno. Si divisero in quattro gruppi e trovarono alloggio a Zoagli, in altrettante abitazioni.

     Nella casa di Cecco, abitarono: Alessandro con la moglie Oliva, Maddalena (Niena), Ernesto (Stin), Flavio, Adriano, Felice, Eugenio (Fųndega), Antonio (Zurzėn), Pietro (Pietrėn) e Antonio (Pierėn).
     Nella casa della Mėmma alloggiarono: Giovanni (Giuvanėn Drie) con la moglie Ida, Agostino (u Ferretti), Giuseppe (Gioxepėn), Virginio (Ginu), Claudio, Giorgio dei Mėni e Agostino (Cruösa) di Villanova.
     Nella terza casa si sistemarono: Ilario (Stėn de Mėni) con la moglie Agnese, Gerolamo (Girumėn de Mėni), Giuseppe (Mųtti), Italo, Giovanni (Cappelėn), Bartolomeo (Rusinėn), Santino (Giamānti) e Benedetto (Bčttu Bixi).
     In fine nella quarta casa, detta da Ciözza, vi furono: Ferretti Andrea (Gegnetėn), Benazzi Giuseppe (Gioxčppe de Valleschėra) e Benazzi Antonio (Tugnėn di Mčrli).

     Nello stesso anno, parecchi minatori e muratori di Casoni lavorarono nuovamente alle dighe di Giacopiane, per un intervento di manutenzione straordinaria.

     Nel 1933 e 1934 fu realizzata la Camionale, importante tratto autostradale costruito con concetti moderni che collega Genova a Serravalle, lungo la direttrice Genova-Milano.
     Molti minatori di Casoni presero parte alla costruzione della nuova grande opera, venendo ad abitare con le loro famiglie a Sampierdarena e dintorni.

     Negli anni 1935 e 1936 fu realizzata la galleria di Piazza Palermo a Genova.
     I “gallariani” della terza ed ultima generazione vi parteciparono, alle dipendenze dell’impresa “Bernero e Traverso”. In quegli anni, molti di loro presero residenza stabile a Genova.

     Sempre nel 1936, gli operai qui sotto nominati lavorarono con la ditta “Jacazio” alla costruzione della strada statale 586, sul tratto Rezzoaglio – Boschi.
     I partecipanti furono: Antonio (Tunėn), Giovanni (Giuvanėn Camatta), Giovanni Maria (Zanmariėn), Gerolamo (Girųmėn mėni), Ernesto (Fųndega), Ambrogio (Anna), Antonio (Palėn), Italo, Agostino (Cruösa), Marco e Domingo. L’intero gruppo trovō alloggio nel paese di Cornaletto.
pagine < 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 >