CRAC

NOVITA'

Casoni, 1 gennaio 2021

L'annus horribilis ci ha lasciato! Io, ormai ultraottantenne, lontano dai rumori e dalle tentazioni mondane, nell'eremo di Casoni, mi ritrovo a riguardare indietro ad un mondo che nel corso della mia generazione Ŕ completamente cambiato.

Il XX secolo (definito breve dallo storico Eric Hobsbawm) Ŕ stato pregno di eventi che hanno sconvolto il mondo; le due guerre mondiali dalle quali sono stato appena sfiorato, l'entusiasmo e la voglia di vivere del primo dopoguerra, il boom economico, i movimenti giovanili e femministi che hanno caratterizzato gli anni successivi, il periodo buio del terrorismo, la fine della grande illusione di un mondo migliore in cui si sarebbero affrancati tutti i popoli della terra, fino ai giorni nostri caratterizzati dal dominio della finanza e della globalizzazione che hanno ulteriormente accentuato le diseguaglianze sociali ed una pandemia devastante che non siamo ancora riusciti a domare.

Non mi sembra un bilancio positivo che incoraggi ad affermare che il 2021 sarÓ migliore; tuttavia voglio credere ed augurarmi, che superato l'attuale momento critico ed i conseguenti inevitabili assestamenti, una umanitÓ rinsavita possa intraprendere la strada di un nuovo Rinascimento.

╚ questo l'augurio che intendo condividere con tutti gli amici passati, presenti e futuri di Casoni e ... del mondo.

Vittorio


Nel menu principale Ŕ stata inserita una nuova galleria (in corso di aggiornamento) con le foto del 2020 e 2021. (1 gennaio 2021)

IL PAESE


Casoni è frazione del Comune di Fontanigorda, in provincia di Genova. Il paese è situato a 880 m di altitudine, vicino alle sorgenti del Sermigliasca, affluente del Trebbia. Con tutta probabilità, il suo nome deriva dalla forma delle prime costruzioni adibite a casolare (localmente nominate casun). A partire dal 1500 queste case furono permanentemente abitate dai Ferretti. Forse precedentemente erano state di proprietà dei Fregara, banditi dopo la caduta dei Fieschi (1547). I primi casolari erano in parte col tetto di paglia e con i muri ricoperti a gradoni di pietra, secondo il metodo celtico. All'inizio del 1600 le case di Casoni ospitavano soltanto cinque famiglie, tutte del casato dei Ferretti: I Meneghetti e I Girumetti alle Cadato, I Micheloni, i Bruoxi e i Ciappizzi alle Cadabasso. Attualmente le antiche case sono quasi tutte ristrutturate e, con le nuove costruzioni, ammontano ad ottanta unità, quasi totalmente ancora di proprietà dei Ferretti. La parrocchia, oltre Casoni, comprende le ville di: Vallescura e Montaldo, le più antiche, fondate ed abitate dai Benazzi, Villanova e Mezzoni, risalenti alla seconda metà del 1700, ed in fine Barcaggio, da sempre abitata da famiglie Ferretti detti Barchi, dai quali prese il nome la località.