CRONACHE DI CASONI, frammenti di storia del paese
a cura di Guido Ferretti

images/indice.jpg

Concessione della scuola statale - 1877
Fra i verbali del Comune di Fontanigorda si legge: “Con delibera consigliare del 17-9-1877 fu concessa la scuola nelle frazioni di Casoni e di Canale”. Precedentemente a questa data, coloro che possedevano una minima conoscenza letteraria l’avevano appresa dai parroci della parrocchia, riuscendo appena a fare la propria firma. La maggioranza della popolazione era completamente analfabeta.

Cronologia degli insegnanti.

Non si conoscono i nomi dei docenti che insegnarono nella frazione di Casoni, in quei primi anni di scuola.

Quando il 1° novembre del 1885 venne a Casoni il parroco Don Nicola Carboni di Rovegno, fu lui stesso l’insegnante elementare. Allora lo studio era limitato a soli tre anni scolastici.

Egli insegnò fino al 1894, quando fu sostituito dall’insegnante Anna Carboni di Rovegno (Netìn-a), nipote dello stesso parroco Don Nicola. Ella insegnò a Casoni per diciotto anni consecutivi, cioè fino all’anno scolastico 1912–1913.

Nell’anno scolastico 1914–1915 fu insegnante la maestra Ernestina Vigo di Pavia. Fece scuola nella casa appena ristrutturata di Giovanni Maria (Zanmariìn di Drìe).

Nell’anno scolastico 1915–1916 fu insegnante la maestra Giuseppina Vestri di Pavia. In quell’anno la scuola fu trasferita nella nuova casa di Alfonso (Fùnsiu).

Durante l’anno scolastico 1916–1917 a Casoni fu insegnante la maestra Anna Gollotti di Pavia. La sede delle aule scolastiche fu ancora nella nuova casa di Alfonso.

Nell’anno scolastico 1917–1918 fu insegnante la maestra Maria Mangiarotti di Pavia. Questa sfortunata maestra morì entro l’anno 1918 di febbre spagnola.

All’inizio dell’anno scolastico 1918–1919 vi fu lo sdoppiamento della scuola elementare, quindi vi furono due insegnanti: Alice Calza di Bobbio e Maria Teresa Delucchi di Roccasusella. Una parte degli alunni andò a scuola nella nuova casetta di Matteo Biggi, mentre la rimanente parte frequentò l’anno scolastico nella casa della vedova Maria (Maìn du Ginìn).

Nell’anno scolastico 1919–1920 furono insegnanti ancora le stesse due maestre dell’anno precedente.

Nell’anno 1920–1921 insegnarono, sempre negli stessi locali, le maestre Lina Valdetaro di Nazzano e Rosetta Ferretti di Fontanigorda.

Nell’anno scolastico 1921–1922 fu ancora insegnante la maestra Lina Valdetaro, insieme alla sua collega, la maestra Enrica Rusconi da Voghera. In quell’anno, mediante l’interessamento dei Consiglieri Comunali di Casoni Valentino, Giorgio (Zurzìn de Brüna) e Nicola (dei Drìe) e le costanti esortazioni dell’Ispettore Scolastico Trevisi, furono prese in affitto le due aule scolastiche, decentemente sistemate, di Alfonso per £ 500 annue.

Nell’anno successivo 1922–1923 furono insegnanti, nelle stesse aule, le maestre Enrica Rusconi di Voghera e Antonietta Baldanchini di Stradella.In quel periodo le insegnanti abitarono per due anni in casa di Michele Ferretti (Michelèn).

Nell’anno 1923–1924 fu insegnante, nelle stesse aule, la maestra Maria Rita Marini di Cignolo di Broni. L’insegnante prese abitazione nella stessa casa di Alfonso al piano situato sopra le aule, per il prezzo di £ 40 mensili, comprensivo della luce elettrica.

Il 1° luglio 1923, il Comune di Fontanigorda passò dalla Provincia di Pavia a quella di Genova e per disposizione dell’On. Benito Mussolini (allora Ministro dell’Interno ad interim fino al 17 giugno 1924) la scuola di sfollamento o seconda scuola, tenuta a carattere provvisorio, fu soppressa.

Quindi per tutto l’anno scolastico 1923–1924 vi fu una sola maestra, costretta ad insegnare con grande disagio a una scolaresca di oltre cinquanta scolari, divisi in cinque classi e sistemati in due aule. Furono fatti reclami presso il R. Provveditore di Genova senza risultato: si affermava che la Seconda Scuola doveva stabilirsi per Decreto Ministeriale e in quell’anno non vi fu la possibilità di riaverla.

Durante l’anno scolastico 1924–1925 fu sempre unica insegnante, fino al 16 aprile 1925, la maestra Maria Rita Marini.

Per la forte raccomandazione di Giannetto Palmieri, presidente della Deputazione Provinciale di Genova, che fu in villeggiatura a Fontanigorda nell’estate 1924, fu ripresa la pratica della Seconda Scuola presso il R. Provveditorato di Genova e dopo ripetute istanze fu ristabilita con Decreto Ministeriale in data 17 marzo 1925.


Foto degli scolari di Casoni - Scattata nell’anno 1925

Il R. Provveditore inviò, il 16 aprile 1925 un secondo insegnante, Don Pasquale Ruffino di Millesimo, ex combattente della Grande Guerra 1915-1918, con nomina provvisoria fino al termine dell’anno scolastico. Don Ruffino andò ad abitare in canonica in pensione presso il parroco Don Baracchi.

Nell’anno scolastico 1925–1926 le scuole ebbero inizio il 5 ottobre, nelle solite aule. Inizialmente furono insegnanti la titolare Maria Rita Marini e Don Ruffino, con mansione provvisoria. Egli rimase fino al 21 novembre, quando venne sostituito dalla maestra Eloisa Carraro di Ottone. Quest’ultima insegnante rimase a Casoni soltanto tre mesi, cioè fino al giorno 18 febbraio, data in cui venne sostituita dalla maestra Emma Gallina di Genova, con nomina provvisoria fino al termine dell’anno scolastico.

In questo periodo la maestra Marini fu colta da influenza e fu assente per due mesi, durante i quali fu sostituita dalla collega Elena Barbieri di Rovegno. La Marini riprese servizio il successivo 6 aprile ed insegnò a Casoni per tutto l’anno scolastico; poi venne trasferita a Montecalvo Versiggia, vicino al suo paese nativo.

Nell’anno scolastico 1926–1927 le nuove insegnanti furono la maestra Emma Gallino e Adelina Pastorino di Genova. Durante l’anno furono istituiti i Balilla e le Piccole Italiane. Le aule scolastiche furono adornate di due ritratti di B. Mussolini e di due nuove lavagne.

Nell’anno successivo, 1927–1928, furono insegnanti le stesse maestre dell’anno precedente fino al 25 marzo 1928, quando furono ambedue trasferite per disposizione del Provveditore di Genova. Il loro posto fu assegnato, fino alla fine dell’anno scolastico, alle maestre Caterina Adelchi di Sampierdarena e Wanda Panciroli di Genova.

All’inizio dell’anno scolastico 1928–1929 vennero due nuove insegnanti, le maestre Rosetta Pernigotti di Carezzano Superiore e Bice Gamorra di Genova. Insegnarono nei soliti locali della nuova casa di Alfonso ed alloggiarono nell’appartamento sovrastante alle aule.

Nell’anno 1929–1930 fu sempre insegnante la Bice Gamorra, mentre la sua collega dell’anno precedente fu trasferita in una località più vicina alla famiglia. Il suo posto fu assegnato, in sede provvisoria, all’insegnante Gemma Venturino, che dopo un mese fu sostituita da Wanda Panciroli di Genova. Durante quell’anno venne maggiormente organizzata l’Opera Balilla e delle Piccole Italiane: la tessera d’iscrizione costava £ 5 e gli iscritti, in un primo momento, non furono molti. In seguito il costo della tessera venne ridotto a tre lire e quasi tutti gli alunni furono inscritti alla GIL (Gioventù Italiana del Littorio), come voleva il Ministero dell’Educazione Nazionale.

Anno Scolastico 1930–1931
Fu nuovamente insegnante la Bice Gamorra e venne per la seconda volta Caterina Derchi. Terminato l’anno scolastico, ambedue furono trasferite in sedi più vicine alle proprie famiglie.

Anno 1931–1932
Furono insegnanti le maestre Annita Della Casa di Sampierdarena, come titolare, e Maria Poggi di Genova, con incarico provvisorio.

Anno 1932–1933
Le insegnanti della Scuola Elementare di Casoni furono Annita Della Casa e Sofìa Scarella.

Anno scolastico 1934–1935
Furono insegnanti le maestre: Anna Salvioni e Marie Germasole.

Anno Scolastico 1936-1937
Le insegnanti furono: Teresina Fasce ved.va Pirisi e Carla Fasce.

Anno scolastico 1937–1938
Inizialmente insegnarono le maestre sorelle Durante. In seguito, sul finire dell’anno scolastico, furono sostituite dalla maestra Rita Pelucchi di Rovegno e dal maestro Moreno Oreste di Genova. Le sorelle Durante l’anno successivo furono trasferite a Canale.


Allievi della Scuola Elementare di Casoni – Giugno 1938

Anno Scolastico 1938–1939
Insegnanti: Moreno Oreste e Annamaria Ferrari.

Anno scolastico 1939–1940
Insegnarono nuovamente i docenti Moreno Oreste e Annamaria Ferrari

Anno Scolastico 1940–1941
Con la Maestra Annamaria Ferrari venne un nuovo insegnante, il maestro Giuseppe Spena.

images/indice.jpg